6 strumenti di gestione delle foto open source che ogni fotografo dovrebbe conoscere

Fonte aperta

F-Spot era una volta diventato uno strumento open source di gestione delle foto preferito dagli utenti Linux, specialmente quelli che usano GNOME. Ma ora, il progetto è stato interrotto. Oggi, Shotwell sta diventando un popolare strumento di gestione delle foto per Linux. Inoltre, ci sono anche un sacco di popolari strumenti di gestione delle foto là fuori, oltre a Shotwell.

Lo strumento di gestione delle foto è abbastanza cruciale se sei un fotografo che fa sempre foto ogni singolo giorno. È il primo strumento di cui hai bisogno nel tuo flusso di lavoro.

Se sei un fotografo e usi prodotti open source sulla tua base quotidiana, i seguenti sono i migliori strumenti di gestione delle foto open source che puoi usare. Tutti sono gratuiti.

1. Shotwell

Il primo strumento di gestione delle foto open source che puoi usare per gestire le tue collezioni di foto è Shotwell. Come ho detto sopra, sta diventando un popolare strumento di gestione delle foto ampiamente utilizzato dagli utenti Linux oggi, dal momento che la maggior parte dei popolari ditro Linux, tra cui Ubuntu, lo usano come gestione delle foto di default. Shotwell è abbastanza semplice ma potente. In Shotwell, le tue foto sono raggruppate per tempo. Vedrete la struttura della cartella di anno/mese/data. Per esempio, se hai fatto un servizio fotografico l’11 febbraio 2018 e hai importato le tue foto con Shotwell, avrai le tue foto nella cartella “2018/02/11”.

Shotwell rileverà anche automaticamente la cartella “Pictures” sul tuo computer. Oltre a gestire le foto, è anche possibile utilizzare Shotwell per eseguire l’editing di base come ritagliare, regolare la saturazione, regolare l’esposizione e così via. È anche in grado di gestire i file RAW. Shotwell è sviluppato da Yorba Foundation e concesso in licenza sotto la GNU Lesser General Public License. Il codice sorgente del software è disponibile su GitHub .

2. gThumb

gThumb è anche dotato di una semplice interfaccia molto simile a Shotwell, che è estremamente facile da usare. A prima vista, si può pensare che sia un semplice visualizzatore di immagini invece di uno strumento di gestione delle foto, ma no. gThumb ha una buona funzionalità anche come strumento di gestione delle foto. Puoi usarlo per importare foto dalla fotocamera e le tue foto saranno anche raccolte dalla stessa struttura di cartelle di Shotwell.

Shotwell è stato originariamente scritto da Paolo Bacchilega, ma il suo sviluppo è ora gestito dal team GNOME. Il software è rilasciato sotto licenza GNU General Public License e il codice sorgente è disponibile anche su GitHub .

3. Gwenview

Gwenview è fondamentalmente un visualizzatore di immagini predefinito per KDE Plasma. Tuttavia, puoi anche usarlo per gestire le collezioni di foto che hai sul tuo portatile. Onestamente, Gwenview non è probabilmente la migliore opzione di strumento di gestione delle foto su questa lista, ma non c’è niente di male se vuoi fare una prova. Lo strumento supporta i plugin per migliorare le sue funzionalità. È anche possibile ottenere il codice sorgente di questo software su GitHub , che è concesso in licenza sotto la GNU General Public License.

4. digiKam

Tre strumenti open source per la gestione delle foto sono disponibili solo per Linux. Se usi Windows o Mac e stai cercando uno strumento di gestione delle foto open source per il tuo computer, digiKam è il miglior strumento che puoi provare. È disponibile per Linux, Windows e macOS. digiKam è sviluppato da KDE.

Paragonato ai tre strumenti precedenti, digiKam è molto più complesso. Questo strumento richiede un database per funzionare (ne creerà uno al primo avvio). digiKam è un bello strumento se scatti sempre in RAW. Può gestire molto bene i file RAW. Il codice sorgente di questo strumento è anche disponibile su GitHub sotto la GNU General Public License.

5. KPhotoAlbum

KPhotoAlbum usa lo stesso concetto di digiKam nella gestione delle tue foto. Richiede anche un database per funzionare, che verrà creato quando lo si lancia per la prima volta. Anche le sue caratteristiche sono simili a quelle di digiKam, il che è abbastanza complesso. Come si può intuire dal nome, KPhotoAlbum è stato originariamente pensato per KDE Plasma, ma è possibile installarlo anche su altri ambienti desktop. Lo sviluppatore di KPhotoAlbum fornisce anche il codice sorgente su GitHub , mentre i file binari possono essere scaricati sul suo sito ufficiale .

6. Picty

Picty è uno strumento semplice ma utile per gestire le tue collezioni di foto. È dotato di un’interfaccia a schede che lo rende ottimo per lavorare con centinaia di foto in diverse cartelle sul computer. Picty dispone di una comoda casella di ricerca che permette di filtrare le foto per data di scatto, tag e data di modifica. Picty è dotato di una capacità di aggiungere informazioni aggiuntive ai metadati delle foto come il titolo della foto, il fotografo, la descrizione, ecc. Come i cinque strumenti precedenti, anche il codice sorgente di Picty è disponibile su GitHub sotto la GNU General Public License.

YouTube video: 6 strumenti di gestione delle foto open source che ogni fotografo dovrebbe conoscere


Rate article